InsanelyNews – Ciriaco De Mita in Procura per due ore.

 

«Meglio che non dico nulla», ha risposto il sindaco in modo serafico all’uscita del tribunale di Avellino. Erano da poco passate le 17. Ci era entrato due ore prima accompagnato, fin sull’uscio, dal suo vicesindaco, Walter Vigilante. De Mita è stato convocato in Procura come persona informata dei fatti nell’inchiesta sulle onlus “Aias” e “Noi con loro”. (Alle 19.45 il servizio su 696 Tv con Angelo Giuliani)

Al vaglio degli inquirenti avellinesi ci sarebbe una telefonata del 20 febbraio 2016 tra il giudice salernitano Mario Pagano nel frattempo arrestato per corruzione e lo stesso De Mita, in cui il sindaco di Nusco avrebbe chiesto a Pagano di ricevere un certo “Bigotta per una semplice cortesia”.

Il dubbio degli investigatori è che in realtà si riferisse a Gerardo Bilotta l’ex presidente della Onlus Aias che, insieme alla moglie di De Mita, Annamaria Scarinzi, è il principale indagato nella inchiesta aperta per far luce sui conti del centro di assistenza e riabilitazione di Via Morelli.

Bilotta si è dimesso dopo i primi sviluppi giudiziari dell’inchiesta. Alle 17 l’ex presidente del consiglio dei ministri ha lasciato palazzo di giustizia nessun commento con i giornalisti che lo attendevano all’esterno. E’ salito in auto ed è andato via non prima però di un criptico: “E’ meglio che non dico nulla”.

fonte

fonte