InsanelyNews – Se hai avuto la sfortuna di ammalarti quest’inverno, c’è una buona probabilità che l’esperienza ti abbia lasciato alla ricerca di modi per migliorare il tuo sistema immunitario. Mentre mangiare cibi ricchi di vitamine e usare erbe come l’echinacea può fare la differenza, c’è un modo in cui puoi aiutare il tuo sistema immunitario che potresti aver trascurato: affrontare gli effetti del glifosato sul tuo sistema.

Il collegamento del glifosato al cancro giustamente riceve la maggiore attenzione, ma è anche importante tenere a mente che può minacciare le difese del corpo abbassando i livelli di glutatione . Questo è il miglior antiossidante del tuo corpo, e uno studio suggerisce anche che è così importante che la quantità di esso nelle tue cellule può predire la tua aspettativa di vita.

Sfortunatamente, il glifosato è stato scoperto come causa di “cambiamenti significativi” nelle cellule, riducendo il glutatione, riduce la loro capacità di proteggere da batteri e altri invasori. Se non stai già usando cibo biologico, il passaggio dovrebbe essere la tua prima linea d’azione. Anche se hai già fatto questo cambiamento molto tempo fa, non sei ancora fuori dal bosco; c’è semplicemente troppo glifosato nel nostro approvvigionamento alimentare e nell’ambiente per riuscire a evitare ogni traccia di esso. Inoltre, fattori come l’invecchiamento e lo stress possono anche esaurire il glutatione, quindi anche un po ‘di esposizione al glifosato, se combinato con altri fattori, può farvi mancare questo maestro antiossidante.

Per fortuna, i ricercatori hanno trovato modi in cui è possibile invertire i suoi effetti quando si tratta di esaurimento antiossidante. L’integrazione con le vitamine C ed E può aumentare i livelli di glutatione e un altro importante antiossidante, il superossido dismutasi, riducendo il danno causato dal glifosato. È inoltre possibile ottenere la vitamina C da alimenti come peperoni rossi, fragole e arance.

La vitamina C può proteggere dagli effetti di altre sostanze chimiche sintetiche. 

Ad esempio, uno studio ha mostrato che l’assunzione di vitamina C prima dell’esposizione a un insetticida neonicotinoide noto come topi protetti da imidacloprid dallo stress ossidativo che provoca. I ricercatori ritengono che abbia questo effetto riducendo l’ossidazione dei grassi e aumentando i sistemi di difesa antiossidante del fegato.

Puoi anche scegliere alimenti che sono noti per aiutare a ridurre lo stress ossidativo nel tuo corpo e aumentare i livelli di glutatione. Quelli ricchi di zolfo, come cipolle, aglio e uova, sono un buon punto di partenza. Puoi anche iniziare a mangiare più verdure crocifere come cavoli, cavolfiori, cavoli e cavoletti di Bruxelles.

Il glifosato influisce sul sistema immunitario in diversi modi

Si potrebbe già essere consapevoli che il glifosato è stato collegato al linfoma non Hodgkin, che è un cancro del sistema immunitario . In effetti, una recente analisi ha rilevato che aumenta il rischio di cancro del 41 percento, nonostante l’insistenza di Monsanto, azienda della Roundup, che ci rassicura sulla sua non-pericolosità. Migliaia di persone con questa condizione stanno facendo causa alla compagnia; un ex difensore ha ricevuto 289 milioni di dollari di danni da una giuria l’anno scorso, anche se questo è stato successivamente ridotto a circa $ 78 milioni dopo che Monsanto ha fatto appello.

Un altro modo in cui il glifosato può compromettere la tua immunità è distruggere i batteri benefici nel tuo intestino, come il Lactobacillus e il Bifidobacterium. Questi utili batteri aiutano il tuo corpo ad assorbire i nutrienti, a produrre vitamine e acidi grassi e a neutralizzare le tossine, oltre a dare una spinta al tuo sistema immunitario.

Se vuoi aiutare a ripristinare i buoni batteri intestinali del tuo corpo, un passo che puoi fare è mangiare cibi fermentati come yogurt, crauti, kefir o kimchi. Dovresti anche mangiare cibi ricchi di polifenoli, come cioccolato fondente e cacao, tè verde, mirtilli e vino rosso.

Probabilmente sei esposto a più glifosato di quanto pensi , non importa quali misure prendi per ridurre al minimo la tua esposizione, l’aiuto di probiotici e vitamina C dovranno essere una priorità assoluta.

 

FONTE

NaturalNews.com

NaturalHealth365.com

Edition.CNN.com